Ottobre 2016 – Sulla Rai la Lux Vide batte il calcio

Studio Barometro sul Sole 24 Ore

Ascolti – Report del centro studi Barometro: nel 2015-2016 (settembre-maggio) share al 25,8% per le serie e al 24,7% per le partite.

il-sole-24-ore

 

Sabato 15 ottobre 2016 – di Andrea Biondi (Il Sole 24 Ore)

Le fiction della Lux Vide trasmesse su Rai 1 in prima serata nel biennio 2015-2016 (gennaio 2015-maggio 2016) hanno battuto anche il calcio: 6,6 milioni di spettatori di media e 25,8% di share per le serie prodotte dalla società di Matilde e Luca Bernabei contro i 6,5 milioni di spettatori di media (24,7% di share) per i match di club e Nazionale (dati aggiornati. al 31.05.2016).

E concentrandosi solo sulle fiction (serie tv), nella top 10 per ascolti al primo e secondo posto nella stagione 2015-2016 (settembre 2015-maggio 2016) c’è la Lux Vide con “Don Matteo 10” (a 7,5 milioni con 29,4% di share) e “Non dirlo al mio capo” (6,1 milioni; 25,1%). Medaglia di bronzo per la seconda stagione de “Il giovane Montalbano” realizzata da Palomar (5,6 milioni; 22,5%), seguita da “Il paradiso delle signore” (5,5 milioni; 21,2%) di Aurora Film&Tv e da “Provaci ancora prof!6” di Endemol Italia (5,3 milioni; 21,4%).

I dati messi in fila da Barometro, centro studi sui media diretto da Luigi Ricci e riportati in un “Report sulla produzione televisiva 2016”, fotografano un 2015-2016 (settembre-maggio) da ricordare per la Lux Vide che nel ranking di mercato segue i tre colossi internazionali Endemol, Magnolia (Banijay-Zodiak) e Fremantle (Rtl Group).

Come spiegato nel Report la linea editoriale di fiction per la Lux Vide si è affermata dopo il 2000 con lo sviluppo di alcune delle serie più seguite dalla tv come “Don Matteo”, “Un Passo dal cielo”, “Che Dio ci aiuti”. L’evidenziare le possibilità di riscatto in situazioni problematiche è la cifra stilistica più evidente delle serie Lux che,
soprattutto come dimostrato da Don Matteo, macinano ascolti anche nelle repliche. Bene le visioni “non lineari”: nell’ascolto differito a 7 giorni Don Matteo (184mila spettatori) e Non dirlo al mio capo (171mila) sono in testa nella top 10. Buoni risultati anche sui target pregiati.

Sui “Responsabili acquisti” dell’Auditel Don Matteo raggiunge una quota del 30,7% e Non dirlo al mio capo è seconda con il 27,9%. Ritorno sugli investimenti (5,8 per le serie Lux e 3,6 per le altre serie Rai), costo serata (174mila per le serie Lux e 276mila per le altre Rai), web viewers (Non dirlo al mio capo è stata la più vista su Rai.tv), sono altri plus per la casa di produzione fondata nel ’92 che ora ha lavori in corso anche con Mediaset e Sky.

La serie “I Medici” segna il debutto nell’arena internazionale. In generale, la speranza è che il prodotto fiction in Italia faccia in questo un po’ meglio dell’intrattenimento. Su questo versante, come riportato in un recente studio dell’Università Cattolica, solo il 5% degli show andati in onda lo scorso anno sono made in Italy.