Ottobre 2013 – La Repubblica – Francesco star della tv

Articolo a firma di Aldo Fontanarosa, uno dei responsabili dell’Economia di Repubblica.

PAPA Francesco piace, conquista più di Joseph Ratzinger.

Link all’articolo online Click here

Lo dicono gli ascolti della tv.

Per l’Angelus della domenica mattina, tra marzo e ottobre del 2013, Francesco richiama davanti ai televisori 815 mila spettatori in più che il suo predecessore nello stesso periodo del 2012.

Uno studio della società Barometro spiega che questi nuovi “seguaci” hanno acceso RaiUno (in oltre 624 mila) oppure Tv 2000 (in 191 mila). Per l’Angelus, il canale dei vescovi vede il suo share passare dallo 0,5 al 2,2 per cento.

Barometro – per il solo pubblico di RaiUno – rivela che questi nuovi “seguaci” hanno in maggioranza la licenza elementare (in 212 mila). Ma non mancano 189 mila diplomati e oltre 40 mila laureati.

Solo una minoranza vive nel Mezzogiorno e nelle isole, che credevamo più devote, mentre le nuove “legioni” del Pontefice arrivano soprattutto dal centro e dal Nord Italia.

Dice Luigi Ricci, managing director della Barometro: “Se Giovanni Paolo II era un vivace ironico comunicatore e Joseph Ratzinger una figura più timida e misurata, il nuovo Papa è l’emblema della naturalezza in televisione”.

“Francesco si rivolge ai fedeli con la spontaneità del parroco di strada”.

“Nello stesso tempo, il nuovo Pontefice è ben consapevole della forza dei media. Nel primo Angelus, ad esempio, spiega che Piazza San Pietro ha le dimensioni del mondo proprio grazie a loro, ai mass media”.

“Francesco è anche aggiornato sulla capacità di spinta dei social network. Non a caso posa insieme a dei ragazzi che lo ritraggono con il cellulare. Quell’immagine – e il Santo Padre lo sa – farà presto il giro del pianeta, grazie a Facebook e a tutto il resto. E’ dunque il primo Papa della convergenza”.

“I risultati sono importanti, in termini di visibilità. L’Angelus dell’esordio – conclude Ricci – e’ il più visto nella storia delle televisione italiana. E sarà molto difficile scalzarlo – passatemi il termine – dalla posizione regina”.